Storia

Home
Storia

La cantina Fondo Cà Vecja nasce nel lontano 1971, ma in realtà esiste come azienda strettamente agricola dai primi anni ’20, quando si coltivavano solo alberi da frutto tipici della zona quali Albicocchi, Pesci e Susini.

Nel corso degli anni parte delle superfici furono impiantate a vigneto, dapprima con uve da tavola che venivano vendute fresche per il mercato, per poi passare in seguito alla coltivazione vera e propria di uve da vino tra le quali le più classiche del territorio : Sangiovese di Romagna, Trebbiano di Romagna ed Albana di Romagna.

Solo verso gli anni ’70 l’azienda decide di trasformare le proprie uve e di vinificarle : nasce così la piccola cantina vinicola condotta dal sig.Giancarlo Cenni, che produce circa 150 ettolitri annui che vengono commercializzati nelle zone limitrofe di Imola e nel Bolognese.

Verso la fine degli anni settanta, e soprattutto nel proseguire degli anni ottanta l’azienda amplia le produzioni vitate e di pari passo anche quelle vinicole riuscendo a produrre circa un migliaio di ettolitri annui.A Gestire l’azienda si affianca Il Sig. Gian Paolo Padovani, genero del sig. Cenni ed il figlio Pierluigi.

Si amplia così la struttura atta alla vinificazione e vengono prodotti vini nuovi per il mercato quali Barbera e Merlot.

Nel corso di quegli anni vengono effettuati svariati investimenti atti a migliorare le tecniche di vinificazione, quindi impianto di pigia diraspatura e la pressa soffice in linea, impianto per il condizionamento della temperatura fermentativa dei mosti e il rinnovamento delle vasche in acciaio inox.

Nel 1983 si ottiene il primo vino imbottigliato che aprirà la strada ad un incremento di produzione ed all’ottenimento dei primi vini a Denominazione di Origine Controllata “Trebbiano di Romagna” e “Sangiovese di Romagna” vendemmia 1993.

Dalla metà degli anni novanta vengono proseguite le opere di impianto (con l’eliminazione dei vecchi impianti) dei nuovi vigneti con maggiore densità e con un’accurata selezione di cloni adatti alle condizioni pedo-climatiche del terreno e vengono confezionate circa 35.000 bottiglie annue delle svariate tipologie vinificate tra le quali l’innovativo Pignoletto,Chardonnay,Cabernet Sauvignon e Sauvignon Bianco.

Entra a far parte della Società il nipote del sig. Giancarlo, il Perito agrario Simone Padovani che si occupa dei processi di vinificazione e della commercializzazione che dall’anno 1997 si fregia della nuova denominazione di origine controllata “Colli d’Imola”.

I Vini sono tutt’oggi commercializzati direttamente dai produttori nella zona dell’imolese,bolognese, buona parte in Piemonte,Lombardia, Trentino ed anche in Germania.

Particolare attenzione è rivolta al consumatore per la vendita di vino sfuso ed imbottigliato direttamente dall’azienda aperta tutti i giorni dal lunedì al Sabato (9/12 – 14/18) e domenica (su appuntamento telefonico)

Bed&Breakfast
I Nostri Vini
Le Lune
Fondo Cà Vecja